È arrivata l’estate e con la bella stagione arrivano le serate in compagnia di amici e famiglia. E allora perché non bere qualcosa insieme?
Tuttavia ci sono alcune considerazioni da fare sulle bevande alcoliche.
Gli alcolici possono danneggiare l’udito in maniera permanente.  Evitarne l’abuso è fondamentale per prevenire conseguenze rischiose.

Come possono gli alcolici danneggiare l’udito?

Il consumo di alcolici può influenzare negativamente la corteccia uditiva del cervello, modificando anche la percezione del suono. Il nervo uditivo è responsabile del trasferimento dei suoni dalla coclea dell’orecchio interno al cervello. Ciò potrebbe comportare il corretto funzionamento delle orecchie ma il cervello potrebbe, ad un certo punto, non essere idoneo ad elaborare chiaramente i suoni.

Infatti, gli elevati livelli di alcol nel sangue possono compromettere le delicate cellule ciliate dell’orecchio interno e questa condizione è nota come ototossicità.

Secondo l’Associazione Disturbi Vestibolari, l’alcool modifica il volume e la composizione del fluido nell’orecchio interno, ciò può causare vertigini e squilibri, nonché perdita dell’udito.

L’alcol e l’esposizione a forti rumori sono tra le cause più comuni di perdita di udito prima temporanea e poi permanente. Questo accade quando l’alcol viene assorbito nel fluido dell’orecchio interno e resta lì, anche quando ormai non è più presente nel sangue e nel cervello. Dato che l’orecchio interno controlla l’equilibrio, ciò può causare vertigini e disorientamento.

I ricercatori hanno affermato che una regolare assunzione di alcol può generare un’ipoacusia a lungo termine e ciò si manifesta soprattutto nei soggetti anziani e quelli che in passato hanno avuto una dipendenza da alcol.

Smettere di bere o evitarne il consumo è fondamentale per evitare danni permanenti alla salute anche del tuo udito.  Se hai dubbi sulla tua capacità uditiva, sottoponiti ad un regolare controllo dell’udito, da noi è gratuito.