È risaputo che gli apparecchi acustici hanno prezzi molto alti e questo è uno dei motivi per cui molte persone, pur avendo avuto la prescrizione di indossarli, scelgono di non farlo, oppure rimandano l’acquisto. Tuttavia, questi dispositivi sono l’unico trattamento efficace alla perdita di udito e, prima si comincia ad utilizzarli, prima si possono vedere i benefici. E non parliamo solo di benefici per l’udito, ma anche psicologici, emotivi e affettivi.

In questo articolo cercheremo di rispondere alla domanda che tutti si pongono: quanto costa un apparecchio acustico? Dipende, ovviamente, dal modello e soprattutto dalla funzionalità.

I modelli più costosi sono in genere quelli tecnologicamente più avanzati. Ad esempio, si possono ricaricare come un cellulare, si possono collegare alla tv e allo smartphone senza bisogno di altri dispositivi e possono essere regolati anche a distanza. Tutte queste caratteristiche influiscono sul prezzo, che può superare anche i 3.000 euro ad apparecchio acustico. Un modello base invece, che non ha tutte queste funzionalità ma garantisce comunque una buona qualità del suono, può costare anche meno di mille euro.

Dunque, quando si parla di apparecchi acustici e prezzi, è importante capire che il prezzo non dipende solo e soltanto dalla qualità del prodotto in sé, ma da tutte le funzionalità che può offrire in più. Come si fa a capire di quale modello si ha bisogno? Basta riflettere sul vostro stile di vita e sulle situazioni quotidiane che vivete. Se viaggiate molto o se frequentate ambienti affollati, vi sarà utile un apparecchio acustico di fascia medio alta che esclude il rumore di sottofondo e si focalizza sul parlato. Al contrario, se siete dei tipi casalinghi, anche un modello base può andare bene.

I servizi compresi nel costo degli apparecchi acustici

Nel costo degli apparecchi acustici rientrano anche una serie di servizi erogati dal centro acustico di riferimento. Tali servizi fanno parte del programma di riabilitazione uditiva che l’audioprotesista ha sviluppato per voi. Rientrano ad esempio nel prezzo degli apparecchi acustici le operazioni di fitting e regolazioni previste nelle settimane successive all’acquisto del dispositivo. Le impostazioni dell’apparecchio acustico infatti vanno modificate a seconda del guadagno protesico che si ottiene gradualmente.

Tra i servizi compresi vi sono anche le operazioni di revisione, manutenzione e pulizia degli apparecchi acustici. In caso di problemi vi basterà recarvi al centro acustico di riferimento per poter far controllare gratuitamente il vostro dispositivo. Oppure, dopo particolari periodi, come l’estate, durante la quale gli apparecchi acustici sopportano sabbia, calore, sudore e acqua di mare, può essere molto utile effettuare un’accurata pulizia.

Non dimenticate infine che il costo dell’apparecchio acustico può essere sostenuto in toto o in parte dall’ASL per le categorie di utenti che ne hanno diritto. Parliamo di:

  • invalidi civili, del lavoro, di guerra e di servizio
  • minori, indipendentemente dal grado di ipoacusia
  • ricoverati in strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private