Una corretta igiene delle orecchie è fondamentale per prendersi cura dell’apparato uditivo e prevenire l’insorgere di infezioni o problemi di udito. Alcune malattie come l’otite o l’otomicosi infatti si sviluppano proprio perché sono state eseguite scorrette operazioni di pulizia dell’orecchio, che hanno desquamato le cellule e contribuito alla proliferazione di batteri e funghi. Per quanto riguarda i problemi di udito invece, la formazione di un tappo di cerume può provocare fenomeni di ipoacusia temporanea, mentre alcuni incidenti con l’uso del cotton fioc posso anche causare lesioni al timpano e sordità. In questo articolo vi daremo alcuni consigli su come pulire le orecchie in modo efficace e sicuro.

La pulizia del padiglione auricolare

La pulizia del padiglione auricolare può essere fatta utilizzando i cotton fioc, facendo però attenzione a non inserirli mai all’interno del canale uditivo. In alternativa potete utilizzare… le dita! Ebbene sì. Con le dita avrete più manualità per raggiungere tutte le zone dell’orecchio esterno, ma soprattutto non rischierete di procurarvi delle lesioni al timpano. Quest’operazione si può eseguire facilmente mentre fate la doccia, o meglio ancora lo shampoo. Abbiate cura però di utilizzare detergenti neutri, che non siano troppo aggressivi per la pelle. Le cellule epiteliali dell’orecchio infatti sono molto sensibili. Una volta lavate le orecchie, asciugatele bene con un asciugamano.

La pulizia del condotto uditivo

Di regola, è l’orecchio stesso che si occupa della pulizia del condotto uditivo, attraverso la produzione di cerume e il suo smaltimento. Il cerume infatti non è “sporco”, bensì una sostanza prodotta dall’organismo per proteggere il condotto uditivo dall’ingresso di sporco, polveri e anche acqua. Una volta che il cerume ha svolto la sua funzione protettiva, il movimento delle cellule del condotto uditivo fa in modo di spingerlo verso l’esterno. Movimenti come la masticazione o la deglutizione possono stimolare questa capacità di auto-pulizia.

Ma come pulire le orecchie se il cerume prodotto è troppo abbondante o se si è solidificato formando un tappo? In questo caso di possono utilizzare degli spray auricolari a base di cloruro di sodio che sciolgono il cerume e rendono più facile l’espulsione. Si sconsiglia di utilizzare i coni di cera, perché potrebbero provocare gravi ustioni.

Se non riuscite ad eliminare da soli il tappo di cerume è opportuno rivolgersi ad uno specialista dell’udito.

Come asciugare le orecchie

Oltre alla pulizia è importante anche asciugare bene le orecchie. Per la parte esterna, come abbiamo detto in precedenza, potete usare un asciugamano. Se tuttavia avvertite la sensazione dell’acqua nelle orecchie, potete ricorrere ad un piccolo trucchetto: utilizzare il phon. Puntate il phon verso l’orecchio, avendo cura di mantenere una distanza adeguata e aspettate che il calore elimini completamente le goccioline.

Per prendervi cura dell’igiene del vostro apparato uditivo in modo sicuro ed efficace, seguite i consigli di AudioSalute su come pulire le orecchie.